1975
La storica cartoleria di via Meravigli 18 viene rilevata e, poco tempo dopo,
trasformata in libreria specializzata in volumi dedicati alla città di Milano.

Una mostra dedicata ad antichi volumi della letteratura meneghina sancisce
il primo successo della nuova "avventura".

1976-7
Viene fondata la casa editrice Meravigli.
Nel giro di pochi anni, libreria e casa editrice diventano un punto di riferimento
per la cultura targata Milano.

Dicembre 1980
Il sindaco Tognoli insignisce la Libreria Milanese della benemerenza civica.

Gennaio 2011
La Libreria Milanese di via Meravigli viene data in gestione
(chiuderà definitivamente i battenti all'inizio del 2015).
La casa editrice Meravigli prosegue nell'implementazione del suo catalogo,
che nel frattempo vede l'inserimento di nuove sigle
(Edizioni Meneghine, Edizioni MilanoExpo, Premiata Libreria Milanese
e una sempre maggiore attenzione alle trasformazioni che interessano la città di Milano.

Dopo oltre quarant'anni di attività, la Meravigli annovera un ricchissimo
e variegato catalogo ed è oggi la principale realtà editoriale specializzata su Milano:
la sua storia, la sua cultura, le sue tradizioni.
La maggior parte delle sue pubblicazioni diventano, 
nel tempo, dei long seller, cui si affiancano degli autentici best seller,
primi fra tutti i romanzi storici di ambientazione milanese
della collana Pagine disparse.

Nella foto, via Meravigli 18 in una fotografia di fine Ottocento

Via Meravigli (all'altezza dell'attuale 18) fine Ottocento. Nei locali della libreria c'era allora un'osteria

top

Questo sito utilizza cookie per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più clicca su Cookie Policy.