Milano è bella in tram

    • 144 pagine
    • 11,5x19
    • ISBN 9788879541336             
    • 10,00 euro
    • Brossura – Copertina plastificata
    • Illustrazioni a 2 colori

     

    "Succede a volte che un viaggio, lungo o breve spostamento
    nello spazio, diventi per noi soli anche uno spostamento
    nel tempo: richiamo di avvenimenti lontani, che hanno
    interessato la nostra esistenza personale ma che sono
    legati anche alla storia dei luoghi che attraversiamo.
    Riaffiorano così eventi o volti sepolti nelle stratificazioni
    del proprio archivio mentale. Vecchi ricordi, che
    riemergono quando torniamo in luoghi dove abbiamo
    trascorso infanzia e adolescenza."
    Il volume raccoglie una serie di questi lontani ricordi,
    nascosti dietro l’angolo, riportati alla memoria da
    brevi spostamenti che si effettuano in poche ore
    a bordo di uno dei mezzi di trasporto pubblico “simbolo”
    di Milano. Un vero e proprio “viaggio sentimentale”,
    su una vera e propria “macchina del tempo” – il tram –
    attraverso le Porte della città e le sue circonvallazioni. 

    Ferruccio Rapetti è nato a Milano (a Porta Vittoria,
    per la precisione) nel 1931, da una famiglia borghese
    ex operaia – sua madre abitava in una casa  “di ringhiera”
    a Porta Romana. Trascorre il periodo ruggente degli anni
    ’30 e ’40, che gli lasciano ricordi incisivi, nel capoluogo
    lombardo. Elementari a Milano, poi in collegio,
    a Clusone (Bergamo) e nuovamente a Milano,
    dove frequenta il liceo presso l’Istituto Leone XIII
    dei padri Gesuiti. Si iscrive all’università, ma interrompe
    il Politecnico per sopperire alle necessità dell’azienda
    familiare di rubinetteria, a seguito dell’infermità del padre.
    Negli anni ’60 – nel frattempo si è sposato e ha avuto
    due figli – trasferisce l’azienda, che conduce con il fratello,
    nel Mantovano, dove decide anche di vivere.
    Per lavoro viaggia moltissimo, per ogni dove,
    ma oggi il suo hobby preferito è visitare l’Italia
    “in dettaglio”, oltre che leggere, soprattutto testi di
    storia dell’Ottocento e del Novecento.
    Al suo attivo ha un altro libro di ricordi,
    Ero un balilla – Milano 1935-1948, Greco&Greco.

    milano-e-bella-in-tramp1-tramp2-tram
top