Il Gobbo di Milano

    • 192 pagine
    • 14,5x21,3
    • ISBN 9788879553568            
    • 15,00 euro
    • Brossura – Copertina plastificata con alette

    La fosca vicenda di don Vincenzo

    Un dimenticato tesoro di carta, finalmente rimesso a nuovo
    e… finalmente pronto per tornare ad ­avvincere i lettori!

    Il Gobbo di Milano, uscito nel 1933, si smarrì, per quasi
    un secolo, su chissà quali scaffali. Dell’autore, Giorgio Dalma,
    si sa poco (nato a Fiume alla fine dell’Ottocento, una laurea
    a Bologna, in Farmacia, dopo una in Scienze commerciali
    all’università di Trieste, messe entrambe presto da parte
    per dedicarsi alle lettere), ma se i dati biografici sono avari
    di notizie, lo stile del suo romanzo lascia, al contrario,
    trapelare molto. Dalma idolatra Dumas e tiene fede
    a Manzoni; si è calato nelle tetre ambientazioni dei gotici,
    divorando al tempo stesso decine di racconti d’appendice;
    ha bazzicato gli avventurosi sentieri di Verne e forse
    è perfino sceso nei mean­dri claustrofobici
    di Edgar Allan Poe. Di certo ha scelto di ispirarsi a un altro
    Edgar, Wallace, e di seguire le tracce di Agatha Christie e
    sir Arthur Conan Doyle. Ma, a sua volta, potrebbe persino
    avere ispirato Scerbanenco…

    Quello di Dalma è un romanzo appassionante, da ­gustare tutto
    d’un fiato o prendendosi il tempo necessario per ­assimilare
    ogni ingrediente dell’articolata trama, di quelle che tengono
    incollati alla pagina, eppur impossibili da ­inquadrare
    in un genere preciso. Poliziesco, giallo, noir:
    sarebbe ­riduttivo…
    L’autore non scorda di condire la sua creatura di amore
    e ­mistero, avventura e scandalo, sagacia e folklore,
    esote­rismo e massoneria.
    E poi ci porta a spasso: da Milano al Canada, dal Piemonte
    all’Ungheria, passando per Sydney e la Val d’Aosta.
    Ma è la città di Sant’Ambrogio il luogo meglio tratteggiato:
    la Milano del XIX secolo che tramonta, nella quale si muove
    o, meglio, si barcamena don Vincenzo, il Gobbo
    dei gobbi ­meneghini, coi suoi occhietti vispi, mobilissimi,
    pieni di furberia e con la sveltita intelligenza, la parola
    pronta e spigliata.
    Accanto al Gobbo, altri personaggi notevoli, cui ci si affeziona
    facilmente, nel bene e nel male…
    La storia, però, è tutta da scoprire… buona lettura!

    Prefazione di Luigi Barnaba Frigoli

    il-gobbo-di-milanoNessuna immagine impostata
top

Questo sito utilizza cookie per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più clicca su Cookie Policy.