Milano 1944: Villa Triste

    • 160 pagine
    • 14,5x21,3
    • ISBN 9788879553254                
    • 15,00 euro
    • Brossura – Copertina plastificata con alette 
    • Illustrazioni a 2 colori

     

    La famigerata banda Koch

    Siamo nel 1944. Il fascismo è crollato, il re fuggito a Brindisi,
    gli Alleati sono sbarcati sulla Penisola e stanno risalendo
    verso Nord: è il tragico teatro di una guerra civile, dove
    fra gli attori spiccano i nazisti, furibondi per l’armistizio
    dell’8 settembre, i fascisti della ­Repubblica Sociale Italiana,
    i partigiani e, non ultimi, quanti stanno alla ­finestra in attesa
    di acclamare chi vincerà.
    Questa è la storia di una delle tante polizie politiche che
    nell’interregno della R.S.I. operò in Milano, dal 10 agosto
    1944 al 25 settembre successivo: la famigerata banda Koch,
    situata a villa Fossati (poi de­finita Villa ­Triste),
    in via Paolo Uccello angolo via Monte Bianco.
    Sotto la spregiudicata regia del millantatore e amorale
    Pietro Koch, oltre cento sospettati di attività sovversiva
    vennero rinchiusi, interrogati, malmenati a sangue
    o torturati per estorcere loro informazioni, nomi di singole
    persone o associazioni che miravano ad abbattere
    il nuovo fascismo “repubblichino”.
    È un racconto romanzato, dove i fatti documentati e
    le testimonianze dei superstiti rappresentano la verità
    storica, depurata sia dall’enfasi di chi aspirava all’aureola
    di eroe partigiano sia dalle minimizzazioni addotte
    dai seviziatori o dai fascisti.

    Nato in Brianza nel 1948, a un’esperienza commerciale
    e di marketing Daniele Carozzi af­fianca quella di giornalista
    e scrittore. Ha collaborato con Il Giorno, La Prealpina,
    Il Giornale e, dal 2010, ha avviato una colla­borazione
    con il Corriere della Sera. È autore di una decina di libri
    che raccontano di storie, leggende e tradizioni delle varie
    province lombarde, compresa una raccolta romanzata
    dei delitti che maggiormente appassionarono i Milanesi
    da ­fine Ottocento agli anni Ottanta del secolo scorso.

top

Questo sito utilizza cookie per offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più clicca su Cookie Policy.